Rafram Chaddad

Scroll down for English version

Rafram started his work about Pigna and its people in November 2014 with the worktitle:
COOKING IS HOSTING
Rafram Chaddad:
“What I find interesting, around the Mediterranean, but first here, in Sanremo, are the people who works with food here. Making food is one of the oldest works and one of the most basic one. That’s how one can find a Senegal woman cooking in her own house, a Moroccan cook, Italians cooks and also a cook from Bangladesh. All in the same small zone in Sanremo.
I am interested in starting to document these people. 6 cooks and one Tunisian fisherman. I want to do it in their home environment. It can be in a bedroom, it can be in the sea or anywhere they feel comfortable, home. Cooking is hosting, and once an immigrant starts to cook for people, he transforms from a guest, to a host.
I am interested in expanding this to other areas around this see. And then present these portraits on the walls of Pigna. Showing how many km are from the photo (it will be mostly zero) to the cooking places itself. It’s a project about social structure, more than food. It’s how a food place for immigrants serves as a social club and how an old local restaurant serves as a dream for better future.”

Rafram Chaddad ha iniziato il suo lavoro sulla Pigna e i suoi abitanti nel novembre del 2014 con il progetto intitolato: COOKING IS HOSTING – CUCINARE é OSPITALITA’
Rafram Chaddad:
“Cosa trovo interessante, intorno al Mediterraneo, ma soprattutto qui, a Sanremo, sono le persone che lavorano con il cibo. La preparazione del cibo è, infatti, uno dei lavori più antichi e anche uno dei più basilari. Ecco come uno, qui, può trovare una donna del Senegal cucinare nella propria casa, un cuoco marocchino, cuochi italiani e anche un cuoco del Bangladesh. Tutti in questo piccolo quartiere di Sanremo.
Sono interessato ad iniziare a documentare queste persone. Sei cuochi e un pescatore tunisino. Voglio farlo nelle loro case e nei loro ambienti. Possibile che questo accada nella camera da letto, al mare o lì dove si trovano più a proprio agio, a casa per esempio.
Mi interessa espandere questa documentazione in altri posti intorno al Mediterraneo. E poi presentare tutti questi ritratti sui muri della Pigna. Indicando i chilometri (molto probabilmente zero) che separano la foto stessa dal luogo della cucina.
E’ un progetto sulla struttura sociale più che sul cibo. E’ un lavoro che riflette su come la cucina possa servire agli immigranti come un luogo d’incontro sociale e su come un vecchio ristorante possa servire a sognare un futuro migliore.”

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s